‘Puglia, wine & land’. Le ‘nove sorelle’ del turismo pugliese

Bari. Tour operator esteri e pugliesi a confronto per l’iniziativa dell’assessorato al Mediterraneo. Godelli: “Il confronto internazionale, occasione da non perdere”

BARI – Favorire il confronto tra domanda e offerta, ed implementare le presenze turistiche internazionali. Per battere il ferro caldo del favorevole periodo turistico, la Regione Puglia ha programmato un workshop rivolto a tour operator esteri ed operatori pugliesi di alto livello organizzato in una serie di incontri “one to one”, che si terranno domani (dalle 9.30 alle 17.00) nei Salotti degli Aranceti della masseria Torre Coccaro di Savelletri. L’iniziativa è promossa dall’assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo in occasione della terza edizione della manifestazione “Puglia, Wine & Land”, ideata dal movimento Turismo del Vino Puglia in collaborazione con l’assessorato alle Risorse agroalimentari. Al meeting di domani parteciperanno nove masserie pugliesi che hanno finora garantito ottimi livelli di accoglienza, arricchendo la propria offerta con peculiarità enogastronomiche e d’interesse culturale, sparpagliate dalla Daunia al Salento. Le realtà salentine sono due: le Fabriche relais di Maruggio e la masseria Montelauro di Otranto. Le altre sono la Chiusa delle More di Peschici, il Castel del Monte Park Hotel, il Terranobile Metaresort di Bari, l’agriturismo Montepaolo di Conversano, Borgo Egnazia e Torre Coccaro di Savelletri, il Frantoio di Ostuni. Le “nove sorelle” pugliesi incontreranno otto tour operator esteri provenienti da Belgio, Germania, Russia, Svizzera, Gran Bretagna e Stati Uniti. “Condurre in Puglia un numero significativo di interlocutori stranieri, guidarli attraverso un percorso turistico mirato, creare nuove connessioni, vuol dire crescere, aprirsi, confrontarsi – ha spiegato l’assessora Silvia Godelli -. Ogni singola azione contribuisce a determinare i fattori di successo che hanno dato alla regione, nell'ultimo quinquennio, una visibilità estera senza precedenti. Il confronto internazionale è oggi per la Puglia una opportunità per generare nuovi scambi dai quali ognuno potrà trarre beneficio, arricchimento. Durante il workshop contiamo si inneschino nuovi scenari di sviluppo integrato”. L’incontro prevede anche la degustazione di una selezione di vini prodotti dalle aziende partecipanti. L’iniziativa fornirà ulteriori informazioni e curiosità sulle realtà vitivinicole pugliesi; un “consuntivo” dell’esperienza vissuta durante la cinque giorni “Puglia, Wine & Land” alla quale quest’anno hanno preso parte 13 giornalisti, nove tour operator e 44 buyer internazionali provenienti dai cinque continenti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati