Le multe? Miglioreranno il traffico

Casarano. Il Comune ha deciso di destinare gli incassi relativi alle sanzioni da Codice della strada allo stesso settore di competenza

CASARANO – I proventi delle multe del Codice della Strada sono stati destinati, per la prima volta, per migliorare i servizi relativi al traffico. Sarà di circa 100.000 euro la dotazione finanziaria per la fornitura di mezzi tecnici, per il potenziamento della segnaletica stradale e per il personale di Polizia Municipale. Palazzo dei Domenicani ha infatti deciso di applicare il decreto legislativo 285 del 1992 che appunto destina la quota comunale degli incassi a specifici capitoli del bilancio, così come previsto dalla normativa. In questo modo sarà possibile migliorare, tra le altre cose, le condizioni della Polizia Urbana e anche ricorrere a personale a tempo determinato. D’ora in poi se un automobilista prende una multa per divieto di sosta, magari perché non aveva visto il segnale, sarà certo che quei soldi saranno investiti per migliorare la segnaletica e non in settori diversi dalla viabilità o polizia urbana. E’ questa la filosofia del decreto legislativo 285/1992, modificato con la legge 120/2010, che destina i proventi della sanzioni amministrative pecuniarie per violazione al Codice della Strada nello stesso ambito stradale. Una recente delibera della giunta municipale ha infatti stabilito di utilizzare il 50% delle entrate relative al 2010, pari a 181.000,00 euro, assoggettandolo al capitolo 1942 del bilancio. La dotazione finanziaria di 90.500,00 euro sarà divisa in tre categorie diverse: 45.000 euro saranno destinati a spese per la fornitura di mezzi tecnici necessari per i servizi di competenza della Polizia Municipale (per esempio, acquisto di nuovi automezzi); 40.000 euro per spese a favore del potenziamento e il miglioramento della segnaletica stradale; infine, 15.000 euro da destinare a spese per il personale, per la realizzazione di progetti obiettivi, per la produttività e per l’assunzione di stagionali e altre forme flessibili di lavoro. “E’ la prima volta che il nostro comune destina le entrate delle multe allo stesso settore di competenza – afferma il vice sindaco, Francesca Fersino, che è anche assessore al ramo – in passato quei soldi sono stati destinati ad altro. La scelta è importante perché in questo modo si può fare una migliore pianificazione”. L’esecutivo cittadino ha inoltre previsto per il Bilancio di previsione, relativo all’esercizio finanziario 2011, la stessa somma di 90.500,000 euro a titolo di proventi da sanzioni amministrative pecuniarie per violazione al Codice della Strada.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati