‘Puglia connessa'. Internet gratis in 100 piazze regionali

Bari. La proposta del progetto WiFiItalia accolta in Puglia dal Pd: zero costi per gli utenti e la possibilità di creare una “rete di reti” per navigare anche all’estero

BARI – Navigare in rete gratuitamente in 100 piazze pugliesi. E’ la proposta del progetto “WiFiItalia” accolta in Puglia dal Partito Democratico che ha in mente di presentarlo alla Regione, e prevede l’installazione di accessi wifi hotspot in piazze, biblioteche, bar e luoghi di ritrovo del territorio regionale, che permettano agli utenti di accedere ad internet in maniera totalmente gratuita così come già avviene all’estero. L’operazione “Puglia connessa”, a costo zero per i cittadini e “low cost” per le casse della Regione che acquisterà gli “Hotspot WiFi”, rappresenterebbe anche una buona occasione di guadagno per le ditte che forniranno le apparecchiature, dopo essersi aggiudicate la gara pubblica bandita dall’amministrazione regionale. L’obiettivo è ambizioso ma non impossibile: far diventare la Puglia leader tra le regioni italiane per lo sviluppo dell'innovazione, della creatività della società dell’informazione. Del resto, l’accesso ai saperi – e la rete è uno dei migliori strumenti migliori di accesso – è un diritto universale. Grazie a questo progetto gli operatori locali di software potrebbero pensare programmi per i dispositivi mobili, per esempio nel settore turistico, per dare informazioni ai cittadini dando una spinta anche al settore turistico regionale. “Il web è una finestra aperta sul mondo e noi abbiamo deciso di spalancarne 100 in tutta la Regione”, ha sottolineato il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Antonio Decaro, secondo il quale “internet è sempre più sinonimo inequivocabile di libertà di espressione e di pensiero. Avere internet gratis – ha precisato – deve essere un diritto garantito come quello allo studio, alla casa e al lavoro”. “Puglia connessa” può essere anche una maniera per offrire un valore aggiunto al turismo regionale che, solo nel 2010, è cresciuto del 4 % per quanto riguarda gli arrivi e del 6% nel numero delle presenze. I turisti potrebbero consultare online gli itinerari più belli da percorrere o i monumenti da visitare, prenotare la stanza di un albergo o di un b&b. Il progetto è pensato anche per i privati, esercizi commerciali e associazioni no profit che potranno installare le apparecchiature nei loro locali. Aderendo poi alla “Federazione nazionale delle reti WiFi Italia“, la Regione potrebbe collaborare anche alla creazione di una “rete di reti” grazie alla quale con un account e una password uguale per tutti, si potrà navigare gratis sia in Puglia sia nel resto d’Italia. Il blog Puglia connessa

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!