Fotovoltaico: 260 megawatt in 2 settimane

La Regione Puglia ha rilasciato, tra il 21 gennaio e il 4 febbraio 2011, 15 Autorizzazioni Uniche per la costruzione e l’esercizio di impianti di produzione di energia elettrica da fonte solare su tutto il territorio

E' di ieri l'appello lanciato dal Pdl regionale al Prefetto di Bari per organizzare un vertice sull'allarme di infiltrazioni criminali nel settore del fotovoltaico. Il business, nel frattempo, continua: la Regione Puglia ha rilasciato, tra il 21 gennaio e il 4 febbraio 2011, 15 Autorizzazioni Uniche per la costruzione e l’esercizio di impianti di produzione di energia elettrica da fonte solare su tutto il territorio. La mappa degli impianti Comune di Foggia in località “Torre Guiducci” (9,997 mw) Comune di Acquaviva delle Fonti (Ba), contrada “La Rena” (8,9 mw) Comune di Brindisi in località “Strizzi”, denominato “Bitonda” (6,95 mw) Comune di Brindisi in località “Strizzi” (6,95 mw) Località Restinco – denominato “Casa Rossa” da realizzarsi nel Comune di Brindisi (6,83 mw) Località Restinco – denominato “Restinco” da realizzarsi nel Comune di Brindisi (6,83 mw) Comune di Troia (Fg) (123 mw) Comuni di Novoli e Galatina – località “Andisani” – (3,3 e 2,5 mw) Comune di Ortanova (Fg) (7,352 mw) Comune di Apricena (Fg), contrada “Posta Monica” (7 mw) Comune di Gioia del Colle (Ba) in località “Sotto il Canale” (8,5 mw) Comune di Gioia del Colle (Ba) denominato “Scappa Cipolla”. (997 kw) Comune di Turi (Ba) “Contrada Lezzi” ” (7,5264 mw) Comune di Candela (Fg) (52 mw) Nel settore, la Puglia ha lo scettro di regione leader. Pur non essendo il territorio con il maggior numero di impianti (è 6a in Italia), ha una produzione che quasi doppia quella della Lombardia. Per il Gestore dei servizi elettrici (Gse), l'area ha in questo momento raggiunto una potenza pari a 7.000 mw contro i valori del 2009, quando ci si trovava a quota 1.142 mw. Ma lo sviluppo anche disordinato delle rinnovabili ha portato con sè l'esigenza di porre dei paletti per evitare la proliferazione di impianti (Rinnovabili: in vigore il regolamento regionale). I parchi fotovoltaici a terra, inoltre, sottraggono superfici all'agricoltura e le società sottoscrivono contratti ventennali di utilizzo delle aree. Praticamente un affare. Articolo correlato Rinnovabili: 1000 euro a istruttoria per installare impianti (4 novembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!