Schianto in moto. Muore dopo otto ore di agonia

Tragedia sulla strada Gallipoli-Sannicola. Un uomo di 32 anni, di Nardò, ha perso la vita dopo un violento incidente in moto

Otto ore di agonia. Una lunga battaglia contro la morte che purtroppo ha avuto esito negativo. Marzo Rizzo, 32 anni, di Nardò, è morto ieri sera nel reparto Rianimazione dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Lì era stata trasferito dal nosocomio di Gallipoli, dove era stato condotto in seguito ad un brutto incidente di moto. L’uomo aveva infatti una passione per le due ruote. E ieri, prima di pranzo, aveva deciso di fare una passeggiata a brodo della sua Ducati Monster. Una passeggiata in strade che conosceva a memoria come infinite volte aveva fatto. Ma qualcosa nella sua corsa domenicale è andato storto. Il giovane ha stranamente perso il controllo del mezzo, forse per evitare un animale o una buca nell’asfalto, e non è più riuscito a recuperare l’equilibrio, finendo prima sulla strada e poi sul muro di un’abitazione che costeggia la provinciale tra Gallipoli e Sannicola, nei pressi della discoteca “Quartiere Latino”. I soccorsi sono arrivati dopo pochi minuti; le ferite riportate nell’impatto sono state giudicate subito molto gravi: una frattura esposta della tibia destra, frattura del bacino, diverse fratture costali, un’emorragia interna e lesioni al fegato e al rene.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!