Sbarchi di migranti. La Puglia in aiuto della Sicilia

 

Bari. Amati e Fiore annunciano la disponibilità della Regione a collaborare a operazioni di soccorso a clandestini sulle coste siciliane

BARI – La Puglia aiuterà la Sicilia ad affrontare l’emergenza determinata dalla nuova massiccia ondata di sbarchi di immigrati. Lo hanno annunciato l’assessore regionale alle Opere pubbliche e Protezione civile Fabiano Amati e alla Sanità Tommaso Fiore. La Regione Puglia infatti, nell’ambito delle operatività sanitarie speciali di Protezione civile, si è dotata di un sofisticato sistema di emergenza sanitaria in mare (Emersanmare), grazie al quale potrà collaborare alle operazioni di soccorso nel mare territoriale della Sicilia. Il sistema di primo soccorso sanitario in mare si avvale di mezzi nautici speciali (idroambulanze del tipo catamarano a prua abbattibile con possibilità di effettuare recuperi multipli barellati in toboga galleggiante e verricellabile da elicottero, fornite di tutti i presidi sanitari per fronteggiare l’emergenza), con personale adeguatamente formato, e di dispositivi ed equipaggiamenti specifici tecnico–sanitari. “Siamo pronti a fornire il nostro aiuto anche subito – ha detto l’assessore Amati -. Possiamo infatti mettere a disposizione della Sicilia, che si trova a dover gestire una imponente immigrazione proveniente prevalentemente da alcune nazioni del Nord Africa, strumentazione altamente sofisticata, personale qualificato e mezzi speciali utili a fronteggiare la situazione di emergenza di queste ore”. Articoli correlati: Sbarchi nel Salento: individuati 30 migranti a Patù (14 febbraio 2011) Minori migranti. Save the children: ‘Serve un sistema centralizzato di accoglienza’ (17 febbraio 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!