Sac: 'Porta d'Oriente' supera la 1a selezione

Il Sistema ambientale culturale di “Parco Costa Otranto Santa Maria di Leuca Bosco di Tricase” ha il via libera della Regione

Il 2 febbraio scorso la Regione Puglia ha ritenuto ammissibile il Sistema Ambientale Culturale (Sac) “Porta d’Oriente” e lo ha rimandato alla seconda fase di valutazione. Il progetto, che punta alla valorizzazione del vasto patrimonio ambientale e culturale dell’area, è stato elaborato sinergicamente dal “Parco Costa Otranto Santa Maria di Leuca Bosco di Tricase”, dall’Università del Salento e dall’ Apt, in collaborazione con i Comuni del Parco e di Salve, Morciano, Patù, Cannole, Palmariggi, Bagnolo, Giurdignano, Giuggianello, Muro Leccese e Uggiano la Chiesa. Lo scopo della proposta è gestire risorse ambientali e culturali in maniera integrata, attraverso approcci interistituzionali e partenariati territoriali che comprendono Enti locali in forma associata Un territorio ricco, senza soluzione di continuità che lega la costa e l’entroterra in un sistema evoluto, orientato a mobilitare le tante risorse presenti sul territorio per valorizzare ambiente, cultura e aspetti socio-economici. Tante le proposte contenute nel progetto: accessibilità ampia a tutte le istanze culturali e agli itinerari offerti da un territorio ricco di storia e natura, valorizzazione della biodiversità agraria, degli ambienti naturali e delle specificità culturali, accoglienza e gestione innovativa dei beni culturali, tecnologie innovative per divulgare conoscenza e comunicazione efficiente. Per realizzare ciò il Sac ha dialogato e dialogherà con il sistema degli operatori economici, del terzo settore e degli Enti Locali nonché con la loro capacità di “far rete”. Il Sac “Porta d’Oriente” è una grande opportunità per il territorio, e il ruolo di “facilitatore” assunto dal Parco all’interno dell’aggregazione dei Comuni è un ulteriore modo per ribadire l’importanza di un modello di crescita del turismo e dell’economia attento alla tutela dell’ambiente, alla vita e all’identità culturale delle comunità di riferimento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!