Torneo di calcio forense. Falsa partenza per i salentini

Foggia. La prima partita si è conclusa con una sconfitta per 1 a 0. I salentini ci riproveranno sabato 19 contro il Potenza

FOGGIA – E' iniziata male l'avventura della formazione degli avvocati di Lecce nella 40esima edizione del “Torneo nazionale Forense“. La compagine salentina, infatti, è uscita sconfitta dalla trasferta di Foggia per 1 a 0. La rete dei padroni di casa è stata realizzata nei minuti di recupero quando la gara era ormai indirizzata verso il pareggio. Non è riuscita, quindi, l'impresa agli uomini di mister Mario Russo che, in formazione rimaneggiata, sono tornati a mani vuote dal capoluogo dauno nonostante la buona partenza dei leccesi che nei primi 20 minuti sfiorano il gol in tre occasioni: con l'esordiente Castelluzzo prima e con i soliti Mariano e Filieri subito dopo. Per tutto il primo tempo i salentini non rischiano a se non nella parte finale quando l'ottimo Sardella sventa un'azione pericolosa dei foggiani. Nella seconda frazione di gioco solita girandola di sostituzioni con poche occasioni da una parte e dall'altra fino al gol dei dauni realizzato da Borrelli (fuori quota ed ex calciatore professionista) che sfrutta al meglio l'unico svarione difensivo degli ospiti. Da segnalare nei minuti di recupero un rigore per fallo di mani non concesso ai salentini. Il prossimo turno si disputerà sabato 19 contro il Potenza. Formazione: Sardella, Calabro, Suez (Marangio), Corvaglia Alberto, (Lagna), Flascassovitti, Presicce, Filieri, (Corvaglia Arcangelo), Matranga, Castelluzzo (Cappelli), Renna (Giurgola), Mariano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!