Dimissioni di Fiore. Lisi: ‘La Giunta brancola nel buio’

Secondo il deputato, le dimissioni dell’assessore sarebbero solo l’ultima dimostrazione di una sanità regionale che “fa acqua da tutte le parti”

Le dimissioni annunciate dall’assessore alla Sanità Tommaso Fiore nel corso del Consiglio regionale in cui è stato approvato il Piano di rientro sanitario non ha lasciato indifferente la scena politica salentina. In merito è intervenuto Ugo Lisi, deputato del Pdl, che ha accusato l’intera Giunta di via Capruzzi di brancolare nel buio del “ri-disordine sanitario”, come l’ha definito. Secondo Lisi, Fiore avrebbe preferito accelerare il passo ed uscir di scena, essendo rimasto vittima dell’ingranaggio incontrollabile di una sanità che “fa acqua da tutte le parti”. “Le dimissioni dell’assessore regionale alla Sanità – ha dichiarato il deputato salentino – in un momento decisivo per l’approvazione del Piano di rientro, sono il segno inequivocabile di una debolezza più generale che appare oggi in tutta la sua evidenza. L’assessore scappa dal caos politico di questa Regione che vorrebbe dare ordine a un sistema delicato e importante come quello della salute pubblica”. Poco potrà fare, secondo Lisi, il presidente Nichi Vendola per convincere l’assessore dimissionario a ritornare sui suoi passi, “continuando – ha detto – nel suo ruolo solitario di parafulmine per condividere il peso che altrimenti il Vendola dovrebbe caricare interamente sulle sue spalle, proprio nel momento in cui lancia il guanto di sfida al Governo dell’Italia”. Articolo correlato: Piano di rientro. Ok del Consiglio. Fiore: ‘Mi dimetto’ (3 febbraio 3011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!