Tiziano La Grua: un nuovo Capitano per la Finanza di Gallipoli

Ha 38 anni ed è nato a Galatina. Nel grado che ricopre attualmente ha comandato le Compagnie di Trani e Barletta e nel gennaio 2010 la Sezione Tutela Spesa Pubblica del Nucleo Polizia Tributaria di Lecce

Da pochi giorni, il Capitano Tiziano La Grua è il nuovo Comandate della Compagnia di Gallipoli, in sostituzione del Maggiore Umberto Maria Bianco che lascia l’incarico per collocamento in congedo volontario. Il Capitano La Grua ha 38 anni ed è nato a Galatina. Nel 1996 ha frequentato il 96° corso “Pal Piccolo III” presso l’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo. Nominato Ufficiale nel 2001, ha portato a termine gli studi, laureandosi in “Giurisprudenza” e “Scienze della Sicurezza Economico Finanziaria” (presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”) e in “Economia e Commercio” (presso l’Università degli Studi di Bologna). Nominato Tenente, ha comandato la Tenenza di Soverato (CZ), il Gruppo Investigativo sulla Criminalità Organizzata del Nucleo PT di Potenza e la Tenenza di Rionero in Vulture (PZ). Nel grado di Capitano ha comandato la Compagnia di Trani, la Compagnia di Barletta e nel gennaio 2010 la Sezione Tutela Spesa Pubblica del Nucleo Polizia Tributaria di Lecce. Non ultimi, nel periodo di permanenza alla Sezione Tutela Spesa Pubblica, ha ottenuto importanti risultati nel campo della lotta alle frodi al bilancio locale, nazionale e comunitario nonché in materia di spesa sanitaria, contribuendo fattivamente al raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Autorità Politica e dalle Superiori Gerarchie. Il Capitano La Grua, dopo aver assunto il Comando del Reparto, ha reso visita alle Autorità Locali, assicurando il massimo impegno per continuare a garantire, nel solco già tracciato dal predecessore, il rispetto delle regole economiche e finanziarie e la tutela della comunità da ogni attività illecita che ne possa minare il vivere civile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!