Imprese in rete. Lecce assente

L'infotelematica entra nella piccola imprenditoria pugliese. Dei 17 gruppi di società che hanno avuto accesso ai finanziamenti, nessuna ha sede legale o operativa nel capoluogo o in provincia. A differenza degli altri territori

L'infotelematica entra nella piccola imprenditoria pugliese. La novità riguarda 88 imprese che, riunite in reti, hanno presentato progetti si sono aggiudicate gli aiuti del bando per la diffusione delle Tecnologie dell'Informazione e Comunicazione (Tic). Un aspetto importante, quello della rete, se si pensa che il bando si rivolgeva principalmente ai distretti produttivi che, in quanto aggregazioni, hanno nella propria genesi la logica cooperativa della rete. Nei 12 programmi valutati positivamente dalla Regione (sui 17 pervenuti) ad emergere è un'idea gestionale innovativa che affida alle tecnologie informatiche i contatti con il cliente e la gestione dei punti vendita, gli ordini e il magazzino, la contabilità e il marketing, l'archiviazione e la logistica. Le imprese hanno programmato più di 8 milioni di investimenti per interventi nei quali a dominare è la filosofia della cooperazione e della collaborazione tra aziende. Il bando che si intitola “Aiuti alla diffusione delle Tecnologie dell'Informazione e Comunicazione nelle reti di Pmi” agevola infatti i progetti di innovazione aziendale attraverso le Tic a condizione che le imprese facciano gruppo. Le 88 imprese l'hanno fatto costituendo 12 reti alle quali corrispondono altrettanti progetti per tecnologie infotelematiche, collegati ai distretti produttivi. Ad aggiudicarsi l’incentivo i gruppi Cannillo srl di Corato; Cezanne Software S.p.A di Bari; Consorzio Ares di Taranto; Consorzio Clemobili di Altamura; Consorzio di imprese pugliesi Cipu di Monopoli; Gi.Mel srl di Putignano; Goa srl di Bari; Lsg di Longobardi Pasquale di Castellana Grotte; M.C. Elettrici in Puglia di Ceglie Messapica; Mel System srl di Modugno; Puglialimentari srl di Polignano a Mare; Starcisette srl di Monopoli. Scorrendo la graduatoria (non ancora definitiva) non risultano gruppi che abbiano sede legale o operativa dell'impresa capofila a Lecce o in provincia. Restano fuori 5 gruppi di Bari, Taranto e Brindisi. Coinvolti i distretti produttivi Logistico, Aerospaziale, dell’Informatica, del Legno e Arredo; dell’Edilizia Sostenibile; della Filiera Moda Puglia; della Comunicazione, Editoria, Industria Grafica e Cartotecnica e i distretti Agroalimentari di Qualità Terre Federiciane e Jonico-Salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!