Centrale dello spaccio in casa. Arrestati

Squinzano. In manette tre giovani. Sequestrati 22 grammi di cocaina, 60 di sostanza da taglio, semi di marjiuana e un coltello

Nel tardo pomeriggio di ieri, i carabinieri della stazione di Squinzano hanno inferto un duro colpo al sistema di preparazione e smistamento di cocaina per la vendita al dettaglio. Alcuni cittadini avevano segnalato un via vai sospetto e, soprattutto, molesto di autovetture sconosciute nei pressi d un'abitazione di via Padre Pio. I carabinieri hanno perciò dato avvio agli accertamenti con mirati servizi di osservazione. Po, nel pomeriggio di ieri, alla vista dell'ennesimo giovane che si avvicinava alla porta di ingresso dell'abitazione in questione, i militari hanno deciso di irrompere nell'appartamento. Così hanno sorpreso tre giovani (due ragazzi e una ragazza) intorno a un tavolo, intenti ad armeggiare cocaina e sostanza da taglio per il confezionamento di dosi da vendere al dettaglio. I tre sono stati arrestati. Si tratta di Antonio Pierri, nato a San Pietro Vernotico, nel 1984 e residente a Squinzano. Nullafacente, già noto per reati specifici. Fausto Valeriano Poso, 26enne nato a Campi Salentina e residente a Squinzano; celibe, afacente, già noto alle Forze dell'Ordine. Infine Emanuela Spalluto 24enne di Campi, residente a Novoli e afacente. L'abitazione era stata presa in affitto da alcuni giorni. Nella circostanza sono stati sequestrati 22 grammi di cocaina che, aggiunti ai 60 di sostanza da taglio, avrebbero generato dosi per 80 grammi. Sono stati inoltre rinvenuti alcuni semi di marijuana e un coltello intriso delle sostanze.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!