Videopoker illegali: scatta il sequestro

A fare scattare i controlli, i parenti dei giocatori esasperati nel vedere i loro familiari sperperare notevoli somme di denaro

In tre distinte operazioni di servizio svolte dalla Guardia di Finanza a contrasto del gioco d'azzardo, sono stati sequestrati 11 videopoker illegali. A fare scattare i controlli sono state le segnalazioni dei parenti dei giocatori ormai esasperati nel vedere i loro cari sperperare notevoli somme di denaro. I responsabili, quattro titolari di altrettanti bar di Nardò, Melissano e Casarano, insieme alla società gerente degli apparecchi, sono stati segnalati all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato per aver installato o comunque consentito l’uso in luogo pubblico di apparecchi non conformi alla legge. Nel dettaglio, i finanzieri hanno riscontrato che gli apparecchi erano completamente scollegati dalla rete telematica e privi dei prescritti titoli autorizzativi (a-osta) rilasciati dall’Aams. Il titolare di un circolo ricreativo di Lecce, invece, trovato in possesso di 4 apparecchi illegali è stato deferito a piede libero alla competente Procura della Repubblica di Lecce, per aver reso possibile l’utilizzo in luogo pubblico di congegni adibiti al gioco d’azzardo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!