Sanità regionale. Greco: ‘Un girone infernale’

Secondo il consigliere regionale, il presidente Vendola avrebbe un atteggiamento di scarsa attenzione nei confronti dei lavoratori del comparto

La sanità pugliese sarebbe un “girone infernale”. E’ questa la definizione che ne dà Salvatore Greco, coordinatore regionale de La Puglia prima di tutto, che contesta all’Amministrazione regionale scarsa attenzione nei confronti dei tanti lavoratori del comparto. “Ognuno – aggiunge Greco – fa e dice quello che gli pare: Asl che danno seguito alle previsione del piano di lacrime e sangue senza attendere l'ok della commissione consiliare, esponenti della maggioranza che provano a evitare il peggio, internalizzandi illusi, stabilizzandi abbandonati a se stessi per un blocco del turn over tutto da verificare”. “In tutto questo – continua – Vendola prosegue il suo tour elettorale dopo aver guidato una inutile manifestazione a Roma. La seduta del Consiglio regionale, l'ordine del giorno approvato e il presunto mandato a trattare con il governo nazionale – continua Greco – si sono presto infranti contro la ribadita disponibilità del ministro Fitto a una trattativa, come dire che portare i lavoratori internalizzandi a Bari e poi a Roma non serviva ad altro se non a far vedere che la giunta regionale che li ha messi in condizione di difficoltà ora prova a rimediare: la verità è nota e sta nella attesa della decisione della Corte costituzionale, nelle more della cui sentenza nessuna soluzione può avere alcun senso”. Nella condizione di profonda confusione evidenziata da Greco, Vendola manterrebbe un atteggiamento di scarso interesse, essendo occupato – è il parere del consigliere – a proseguire con il proprio tour elettorale: “A questo fa da contraltare il sostanziale disinteresse che Vendola mostra nei confronti delle centinaia di medici e infermieri che nei prossimi mesi vedranno scadere il proprio contratto di lavoro con le Asl a causa del blocco del turn-over disposto con una legge regionale fino al 2012: un blocco che fa comunque salve le situazioni di emergenza e la necessità di coprire i servizi essenziali, per cui un governo responsabile dovrebbe valutare la sua operatività nei confronti di questi lavoratori, 520 tra medici e infermieri nella sola provincia di Bari”. Ciliegina sulla torta, conclude Greco, sarebbe il caos che regna nelle Asl a proposito del vigore del Piano con cui saranno tagliati posti letto e ospedali. “Neppure su questo la giunta riesce a mettere in atto scelte chiare e univoche, con ripercussioni inevitabili sul servizio offerto ai cittadini e sulla dignità dei lavoratori le cui strutture saranno coinvolte nei tagli”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!