Non mandano i figli a scuola: denunciati

“Dispersione” e “bullismo”. Controlli dei carabinieri della compagnia di Gallipoli sui territori di competenza

I carabinieri della compagnia di Gallipoli, da lunedì 17 gennaio sino alla mattinata odierna, sono stati impegnati, su tutto il territorio di competenza (Gallipoli, Nardò, Alezio, Sannicola, Aradeo, Cutrofiano, Galatina, Neviano, Galatone, Seclì e Copertino), in una attività finalizzata al contrasto del fenomeno della “dispersione scolastica” e del “bullismo” tra i minori. I risultati Sono stati denunciati, in stato di libertà, per inosservanza dell’obbligo dell’istruzione elementare dei minori, 16 genitori residenti tra Gallipoli (2), Nardò (4, di cui 2 stranieri), Galatone (8) e Copertino (2), poichè ripetutamente non inviavano i propri figli a scuola. I militari hanno verificato svariate assenze, non giustificate, di ragazzi di età compresa tra i 6 e i 15 anni. Tra questi, alcuni avevano accumulato assenze per oltre 300 ore di lezione, altri, invece, non erano mai andati a scuola dall’inizio dell’anno. Al vaglio dei carabinieri vi sono ulteriori situazioni “critiche”, di altrettanti ragazzi minori, che saranno attentamente monitorate, anche tramite la segnalazione e l’intervento dei servizi sociali. A Nardò, 1 studente, 15enne, prima dell’ingresso in aula per le lezioni, è stato segnalato all’autorità prefettizia per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti. A seguito di perquisizione personale è stato trovato in possesso complessivamente di 1 grammo di marijuana e di uno spinello già confezionato. I controlli hanno interessato complessivamente 44 istituti scolastici e tra questi scuole elementari, medie e superiori. All’attività hanno preso parte 134 militari della compagnia di Gallipoli e sono stati identificati complessivamente 1432 studenti. Oltre alle denunce a piede libero, da sottolineare la stretta collaborazione tra i militari operanti e tutti i dirigenti scolastici degli istituti controllati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!