Omicidio Basile. Zazzera chiede scusa a Mantovano

Due anni fa le accuse di omertà e silenzio dell'esponente dell'Idv indirizzate al sottosegretario all'Interno

Due anni fa le accuse da parte dell'onorevole Pierfelice Zazzera dell'IdV all'indirizzo del sottosegretario Alfredo Mantovano. Zazzera, in merito al delitto irrisolto del consigliere provinciale, Peppino Basile, affermò che che il Sottosegretario all'Interno invitava al “silenzio, all’omertà, a insabbiare”. Mantovano rispose con una querela per diffamazione. Oggi le scuse dell'esponente dell'Italia dei Valori. “Quanto da me scritto nel comunicato stampa, oggetto della querela, è stato il risultato di un particolare clima, determinato dall’omicidio di Peppino Basile, a conseguenza del quale, proprio per il ruolo politico che ricoprivo all’epoca del delitto, ero il destinatario di una gran quantità di voci e di illazioni, non sempre da me verificate e ponderate. Tra le illazioni giuntemi, vi erano quelle da me scritte nel comunicato, oggettivamente offensive per l’On. Alfredo Mantovano, in quanto, sia pure in forma interlocutoria, facevo intendere un comportamento non istituzionalmente corretto del sottosegretario On. Alfredo Mantovano, in merito alle indagini sull’omicidio di Peppino Basile”. “Devo prendere atto, al contrario, che in più occasioni l’On. Alfredo Mantovano, ha pubblicamente stigmatizzato il clima di omertà sulle indagini, augurandosi una sollecita individuazione dei responsabili del delitto. Non ho difficoltà a chiedere scusa all’On. Alfredo Mantovano, per aver diffuso un sospetto, assolutamente infondato, inerente il suo ruolo istituzionale. E’ cosa civile, chiedere scusa – conclude Zazzera – quando si sbaglia. Io ho sbagliato e la tensione del momento, non è una ragione che possa giustificare il mio errore. Quindi, sono doverose e dovute le mie scuse”. Articolo correlato https://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=11121 (30 giugno 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!