Smontano un'auto, ma la polizia li blocca

Beccati con tredici bulloni per ruote di autovettura con impresso lo stemma Mercedes

Ivan Braga classe 85 e Dario Gorgoni, classe 87, sono stati arrestati nella nottata odierna dalle Volanti della Questura di Lecce nella flagranza del reato di “tentato furto aggravato su autovettura in concorso” I fatti si sono svolti intorno alle ore 00.40, quando la Centrale Operativa inviava le Volanti su via Vecchia Manifattura Tabacchi, poiché al 113 era giunta la segnalazione di due giovani, l’uno con giubbotto rosso e l’altro con giubbotto nero con una riga chiara sulle maniche che stavano smontando una autovettura parcheggiata a metà della via. Immediatamente la via è stata bloccata. Gli operatori hanno accertato la presenza di una autovettura ferma al centro della carreggiata con luci accese e di un giovane che, accortosi delle Volanti, con alcuni oggetti in mano è entrato nella vettura dal lato passeggero. L’autovettura, una Lancia Y di colore bianco con due giovani a bordo è stata bloccata. Il conducente veniva identificato per Braga e il passeggero per Gorgoni. All’interno della vettura, precisamente sotto al sedile lato passeggero venivano rinvenuti tredici bulloni per ruote di autovettura con impresso lo stemma Mercedes, una chiave gira bacchini in metallo cromato riportante dei codici identificativi e dietro il sedile passeggero un contenitore con all’interno “Cricco idraulico a carrello” completo di leva funzionante e altri accessori. Nelle immediate adiacenze, si trovava regolarmente parcheggiata una nuovissima autovettura Mercedes A180 Cdi, che presentava la mancanza di bulloni su tutte e quattro le ruote, per un totale di 13 bulloni. La chiave gira bacchini, come poi accertato, utilizzata dai giovani per svitare le ruote della mercedes è quella in dotazione alla Lancia Y. I fermati venivano accompagnati in Questura e tratti in arresto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!