Simula il furto del proprio carnet di assegni

Il giovane aveva denunciato un reato mai avvenuto, per consentirsi l’emissione di assegni a vuoto

I militari della Guardia di Finanza di Gallipoli hanno denunciato a piede libero un ventenne della provincia, per simulazione di reato. Il giovane si era presentato presso il Comando delle Fiamme Gialle ed aveva denunciato di aver subito il furto di un carnet di assegni in data imprecisata a opera di ignoti. Le indagini condotte dai finanzieri hanno consentito di accertare che in realtà non si era verificato nessun furto di assegni. Dalle indagini emergeva infatti che il giovane aveva denunciato il furto, in realtà mai avvenuto, per consentire a se stesso l’emissione di “assegni a vuoto”, ovvero senza che vi sia una provvista di denaro sul conto corrente, attraverso l’utilizzo del blocchetto di assegni rubato, tentando di far ricadere la responsabilità su coloro che l’avevano derubato. Il tentativo però è stato smascherato dai Finanzieri. L’uomo aveva infatti utilizzato il carnet di assegni fittiziamente rubato, per pagare una fattura di 760 euro relativa all’acquisto di prodotti alimentari presso un grossista della zona. Al termine degli accertamenti il responsabile è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per simulazione di reato ed emissione di assegni a vuoto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!