Quattro salentini nella ‘lista Falciani’

Per tre dei quattro nomi non vi sarebbero i presupposti per procedere. Sul quarto le fiamme gialle avrebbero già effettuato indagini e recuperato circa 400mila euro

LECCE – Centinaia di indagati in tutta Italia, tante le procure al lavoro, migliaia di posizioni ancora da valutare, personaggi noti ma anche piccoli imprenditori e semplici risparmiatori. È un vero e proprio terremoto giudiziario quello scatenato dalla cosiddetta lista Falciani, l'elenco dei correntisti della filiale di Ginevra della Hsbc sottratto dall'ex dipendente della holding Hervé Falciani e poi consegnata alle autorità francesi. Sarebbero quattro i nomi del filone salentino della lista su cui sono concentrate le indagini degli uomini del Comando provinciale della Guardia di finanza di Lecce, in particolare del Nucleo di polizia tributaria cui sono stati delegati accertamenti da parte della Procura della Repubblica del capoluogo salentino. Rimane comunque assoluto il riserbo circa i nomi di coloro che, dal Salento, avrebbero trasferito fondi nella banca svizzera per la quale lavorava Falciani. Per tre di loro, in particolare, non vi sarebbero i presupposti per procedere. Potrebbero essere, cioè, soggetti che hanno già fatto ricorso al cosiddetto “scudo fiscale”. Sul quarto nome le fiamme gialle avrebbero, invece, condotto accertamenti accurati che avrebbero già consentito di recuperare una cifra vicina ai 400mila euro. Le attente analisi della finanza passeranno ora al vaglio dei magistrati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!