Lecce. Due rapine in pochi minuti

I due colpi sono stati realizzati attorno alle 15. Il primo nel rione San Pio, il secondo nel rione Santa Rosa

LECCE – Due colpi messi a segno quasi alla stessa ora, nel primo pomeriggio, che portano nuovamente ai massimi livelli d’allerta la sicurezza e il fenomeno delle rapine. Il primo è stato messo a segno ad un furgone portavalori della Velialpol. Ad agire due banditi, armati e incappucciati, intorno alle 15, nei pressi dell’Eurospin in via Pozzuolo, nel rione San Pio di Lecce, già teatro nel recente passato di alcuni episodi di cronaca come l’aggressione ai danni di un travestito da parte di un gruppo di cinque giovanissimi. I rapinatori hanno atteso che una guardia giurata dell’istituto di vigilanza uscisse dal supermercato con l’incasso, pari a quasi 24mila euro, per depositarlo all’interno del furgone blindato. L’azione dei banditi è stata rapida e precisa: uno ha badato a bloccare l’autista della Veliapol, mentre il secondo ha raggiunto il collega con il sacco portavalori contenete l’incasso del supermercato. Entrambe le guardie giurate sono state disarmate, i banditi hanno sottratto loro le armi in dotazione, una “38 Special” ed una “Calibro 9”. Tutto è durato una manciata di secondi. Subito dopo i due sono fuggiti a bordo di un’autovettura, un’Alfa rossa, facendo perdere le loro tracce. Sul posto, per i primi rilievi e per raccogliere le deposizioni, sono intervenuti gli agenti della Sezione volanti della questura di Lecce, che hanno anche acquisito i nastri delle telecamere di videosorveglianza poste all’ingresso dell’Eurospin. La seconda rapina, invece, è stata compiuta ai danni delle poste di via Archita da Taranto, nel rione Santa Rosa, già assaltata lo scorso 22 novembre. Anche in questo caso il colpo è stato messo a segno verso le 15, quando la zona era pressoché deserta. Ad agire due banditi con il volto travisato rispettivamente da un casco integrale e da un passamontagna. Uno dei due rapinatori, armato di pistola, si è subito diretto verso le casse. Magro in realtà il bottino: pari a poco più di 600 euro. Attimi di paura per i clienti e il personale dell’ufficio postale. Un uomo anziano, spintonato per terra dai banditi, ha accusato un lieve malore ed è stato soccorso da un’ambulanza dl 118. I due, come in tanti altri casi analoghi, sono fuggiti a bordo di uno scooter. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Sezione volanti, ai quali sono affidate le indagini, ed i carabinieri del Nucleo radiomobile. Anche in questo caso l’ufficio è dotato di videocamere di sicurezza, i cui nastri sono ora al vaglio degli inquirenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!