A Lecce i comitati 'No al Cdr'

“Chi ama la terra non l'avvelena!”, presso le Officine Ergot. Sarà anche presentato il documentario sull'esperienza virtuosa di “Piccapane”

Questa sera, alle ore 21, presso le Officine Culturali Ergot, via Palmieri, piazza Falconieri a Lecce, il comitato intercomunale “Non inceneriamo il nostro Futuro”, il comitato cittadini “Cambiamo Aria” – Galatina e il Forum Ambiente e Salute del Salento organizzano una serata di dibattito e promozione culturale. “Il Salento, e i suoi cittadini, non si arrende alle volontà politiche irrazionali e illogiche di smembramento e svilimento del suo bellissimo territorio e compromettendo salubrità e dignità umana e civilmente e con preziosissimi esempi virtuosi reagisce e dice NO. Durante la serata si parlerà di “Piccapane”, un esperimento di socialità, sostenibilità ambientale, di stile di vita radicalmente diverso dalla società dei consumi”. “Piccapane” è un documentario che nasce dalla voglia di documentare esperienze positive e da una passione comune per l'ecologia e la decrescita. Parla di scelte di cambiamenti possibili, del passaggio da un'ottica produttivista ad un nuovo modo di produrre che pone attenzione nei confronti del territorio. Da un'abitudine a consumare passivamente prodotti industriali alla necessità di fare ed educare al consumo critico. Da una mancanza di rispetto e un disprezzo del mercato nei confronti di chi lavora la terra, alla capacità di conoscere e riconoscere i gusti di qualità e l'alimentazione sana. Ma non solo. “Piccapane” è un'azienda agricola, un'associazione di giovani persone che collaborano positivamente e una masseria che fa parte del circuito WWOOFF, sistema internazionale di scambio alla pari attraverso cui poter accrescere lo scambio interculturale, le diverse esperienze e la convivialità, in modalità non mediate dal denaro. Nel territorio del Centro Salento, dove sorge anche il progetto “Piccapane”, dovrebbe nascere un inceneritore all’interno di un cementificio il cui impatto ambientale è già altamente negativo per le comunità locali. Il tentativo di risolvere il problema dei rifiuti creando un’ennesima fonte inquinante sembra rispondere ad interessi economici particolari piuttosto che ai bisogni della popolazione. Nascono così i comitati Cambiamo Aria a Galatina e successivamente il Comitato intercomunale Non inceneriamo il nostro futuro, per opporsi “all’ennesima e scriteriata scelta industriale di portare in co-combustione CDR (Combustibile Derivato dai Rifiuti) nel cementificio della Colacem S.p.a.”. Il coinvolgimento dei paesi vicini, come Soleto, Corigliano e altri, di alcune amministrazioni e della società civile, riesce ad avere come primo risultato lo stop alla conversione da parte della Commissione Provinciale. Ma la lotta, qui come altrove, è ancora aperta. Interverranno: Gianluca Ricciato – Regista; Antonio Congedo – Non Inceneriamo il Nostro Futuro; Andrea D'Alba – Cambiamo Aria; Oreste Caroppo – La Rinascita dei Paduli – Foresta Belvedere. Modera: Alfredo Melissano – Nuova Messapia

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati