Monosi: 'il Pd veicola falsi messaggi'

Lecce. Il riferimento dell'assessore al Bilancio è al presunto abbattimento della scuola materna di via Benedetto Croce e l’arrivo di una colata di cemento su Piazza Partigiani

“Il messaggio lanciato dal Partito Democratico e raccolto da alcuni gruppi di cittadini secondo cui si prospetterebbe in città l’abbattimento della scuola materna di via Benedetto Croce e l’arrivo di una colata di cemento su piazza Partigiani è un messaggio falso”. Lo scrive l'assessore al Bilancio del Comune di Lecce, Attilio Monosi. L'abbattimento, per il Pd, risponderebbe alla necessità dell'amministrazione guidata da Paolo Perrone, di “fare cassa” per arginare la pesante situazione finanziaria. “Addirittura, il Partito Democratico, per scongiurare questo scenario – dice Monosi rivolgendosi direttamente ai cittadini – vi ha chiesto di firmare una petizione di protesta. Se non sapessi la verità, sarei il primo a firmarla. Ma Rotundo e compagni hanno spiegato a modo loro la realtà dei fatti, non dicendovi tre verità sostanziali: – la prima è che l’amministrazione comunale intende sostituire ad una struttura scolastica che ha ormai quasi 40 anni e che è fatiscente, un’altra situata a circa 200 metri dalla prima, che è più razionale, più moderna e perfettamente aderente agli standard di sicurezza; – la seconda è che lo spostamento della scuola non avverrà sino al completamento della nuova struttura, in modo da non creare nessun tipo di disagio o interferenza con l’attività dei bambini; – la terza, infine, è che nello stesso tempo, ci sarà non una colata di cemento, ma un intervento per allargare piazza Partigiani e per creare un piccolo polmone verde, con servizi di quartiere e con parcheggi interrati, che consentirà di 'avvicinare' urbanisticamente la piazza con il centro attraverso via Benedetto Croce”. Molto presto, conclude l'assessore, il Comune provvederà a illustrare la tipologia di intervento per discutere di possibili correzioni o modifiche.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!