A Lecce il mercatino natalizio del riuso

“Nulla si butta, tutto si riutilizza”. Da domenica 19 dicembre presso l’Ecocentro di via San Nicola

Assessorato all’Ambiente del capoluogo e Axa presentano il “Mercatino natalizio del Riuso”. Alla base dell’iniziativa il concetto di “rifiuto” come “materiale” da riutilizzare, come scarto non da gettare, ma da ripensare. Domenica 19 dicembre (dalle 10 alle 18) si aprono le porte al nuovo Ecocentro di via S.Nicola (ex mattatoio) dopo il restyling realizzato da design e architetture di Romano Alcide Rizzo e Vito De Campi. L’idea è quella di offrire una più facile fruizione del luogo, creando un ambiente dove si acquisisce consapevolezza che “a si getta e tutto si riusa”. Il mercatino darà vita ad uno spazio eco-creativo, eco-sostenibile e di eco/equo-scambio dove effettuare acquisti “green”, riciclare vecchi oggetti e regali, trovare idee-regalo per doni natalizi. L’Ecocentro accoglierà le opere di artisti e designer che esprimono la loro creatività con materiali interamente riciclabili, associazioni eco-culturali, negozi che vendono prodotti ecologici, e anche privati cittadini che vogliono scambiare o vendere quegli oggetti rimasti in fondo alla cantina (vecchi libri, oggettistica, vecchi vinili, ecc.), insomma piccoli utili tesori che non servono più a noi, ma magari possono servire ad altri. Aderiscono all’iniziativa le associazioni Culturambiente, Le Miriadi, Cianfrusoteca, Compostiamoci bene e i negozi Ecobebè, Ecobolle, Mavisa Design, Riecco e Second Opinion. Gli artisti presenti sono Lara Bobbio, Maurizio Buttazzo, Federica De Giorgi, Massimo Maci, Romano Rizzo, Michele Della Queva. Il mercatino è aperto a chiunque voglia esporre, vendere o barattare oggetti, prodotti e creazioni artigianali. La partecipazione è gratuita. “Anche queste iniziative – commenta il vicesindaco e assessore all’Ambiente Gianni Garrisi – sono importantissime per favorire un cambio di mentalità tra i cittadini per quanto riguarda l’approccio con i rifiuti. L’idea che a si getta e che tutto può essere riutilizzato è il cardine per spiegare a tutti come ci si deve comportare e per impostare qualsiasi strategia sui rifiuti e la raccolta”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!