Bimbi a teatro per conoscere il mondo

Casarano. Il laboratorio di gioco, colore, racconto, musica e movimento, si rivolge alla fascia di età compresa tra i 6 e 12 anni

Nell’era della telematica, dei network, il teatro è ancora forse l’unico espediente che ci riporta con i piedi per terra, attraverso la sperimentazione personale e collettiva. Per questo motivo si è realizzato un progetto di laboratorio rivolto a una precisa fascia d’età compresa tra i 6 e 12 anni. Il laboratorio si concentra in singole giornate per permettere ai ragazzi di provare una nuova esperienza, iniziando a conoscere il mondo, divertendosi. Gli incontri saranno tenuti da tre esperti: Stefano Mazzeo, operatore, organizzatore e coordinatore del progetto, Maddalena Lonfernini, esperto operatore teatrale e Luca Melgiovanni, esperto operatore musico terapista. Il progetto si svolgerà dal 27 al 30 dicembre 2010, dalle ore 10 alle ore 12.30 presso l’oratorio “San Giuseppe e San Pio” in via Spagna,(C.da Poetra Bianca), a Casarano, nei locali messi a disposizione dal parroco Don Tommaso Sabato e dall’Anspi, che hanno fortemente sostenuto e accompagnato il progetto. Le giornate laboratoriali non hanno come fine il raggiungimento di una produzione estetica conclusiva, in quanto non puntano a forgiare professionisti, ma mirano a utilizzare il teatro come mezzo per lavorare alla costruzione di un sano equilibrio emotivo e relazionale e a incrementare i rapporti interpersonali fondati sul rispetto, sulla socializzazione e sulla tolleranza. Il “fare teatro” che questo progetto propone in un periodo breve ma intenso, può essere proficuamente utilizzato dunque, come strumento per permettere di esprimere le potenzialità, magari nascoste dei ragazzi, attraverso un insolito percorso formativo altamente socializzante. Gli “attrezzi del mestiere“ messi in campo nel laboratorio sono il gioco, il colore, il racconto, la musica ed il movimento nello spazio. Tutti questi linguaggi sono elementi del teatro, elementi che in parte i ragazzi già conoscono, ma che verranno impiegati in modo differente facendo sì che la capacità espressiva di ogni bambino possa emergere. Per info e prenotazioni – Stefano Mazzeo 3405764839, [email protected]; – Luca Melgiovanni 3486961865

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!