Alta velocità: 'si ferma a Lecce o a Bari?'

Lo chiede Salvatore Negro, presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, a Berlusconi e a Fitto

“Ma l’alta velocità si fermerà a Bari come ha detto venerdì sera il Presidente Berlusconi ai microfoni di Sky o arriverà fino a Lecce e Taranto come annunciato qualche settimana fa del Ministro Fitto?”. È quanto chiede il Presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, dopo aver ascoltato un’intervista al Capo del Governo il quale, parlando di Alta velocità, ha fatto riferimento solo alla Napoli – Bari. “Dimenticanza o refuso del Presidente Berlusconi? – chiede il capogruppo Udc – O quelli di Fitto sono gli ennesimi annunci da campagna elettorale?”. “Noi stiamo ai fatti – ha continuato Salvatore Negro – e i fatti ci dicono che nella Finanziaria non c’è alcun capitolo che preveda l’Alta velocità nel tratto tra Bari, Taranto e Lecce. Come dire: il progetto è solo nelle buone intenzioni del Governo; ma le buone intenzioni servono a poco se non supportate da fatti concreti. La sensazione è che dell’Alta velocità tra Bari e Lecce sentiremo ancora parlare a lungo e ci sarà sbandierata in tutte le salse nelle prossime campagne elettorali. Ma difficilmente riusciremo a vederla realizzata nei prossimi anni senza un impegno concreto. È la stessa sensazione che abbiamo per il Piano per il Sud in generale che appare sempre più un balletto di cifre, sempre le stesse, che cambiano solo postazione. Non abbiamo ancora compreso, tanto per cominciare, se sono 100 i milioni come dice il Governo, o 75 come dice lo Svimez. Abbiamo solo compreso, invece, che la programmazione di queste cifre è stata trasferita dalle Regioni al Governo centrale, alla faccia del tanto sbandierato federalismo che assegna più risorse solo al Nord del Paese e lascia il Governo centrale a decidere del destino del Sud”. Articoli correlati Il Pianno per il Sud (29 novembre 2010) Poli Bortone: bocciata l'alta velocità fino a Lecce (1 dicembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!