Riscuote le fatture dei clienti all'insaputa del socio

Il titolare di un’impresa metalmeccanica della provincia di Lecce, ha denunciato il proprio collaboratore per il reato di truffa

Vittima di una anomala riscossione dei crediti, il titolare di un’impresa metalmeccanica operante nella provincia di Lecce, ha denunciato il proprio socio e collaboratore per il reato di truffa. Le indagini condotte dalle Fiamme Gialle di Maglie, delegate dalla Procura della Repubblica di Lecce, hanno permesso di accertare la responsabilità di uno dei due soci di un’impresa salentina che ha determinato un ammanco di cassa di oltre 12 mila euro. L’uomo, autore di una serie di raggiri ai danni del proprio socio, aveva emesso due fatture con lo stesso numero progressivo, ma con importi diversi, consegnando ad un cliente la fattura con l’importo più alto e registrando in contabilità quella con l’importo più basso. In questo modo, incassava dal cliente quella con l’importo maggiore e registrava in contabilità quella con l’importo minore, trattenendo per sé la differenza all’insaputa del socio. In un’altra occasione, lo stesso aveva emesso ad un cliente una fattura di oltre 10 mila euro, che subito dopo l’incasso faceva sparire senza lasciare traccia in contabilità dell’estinzione del credito. Il responsabile, deferito all’Autorità Giudiziaria, dovrà ora rispondere del reato di truffa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!