Rivale in amore, lo accoltella

Gallipoli. Aggredisce il marito della donna per la quale aveva un'infatuazione. L'intervento di lei evita il peggio

Alle sei di questa mattina, a Gallipoli, i militari del Norm locale, unitamente a personale della stazione di Racale e del Norm di Casarano, dopo un'intensa attività di indagine sui territori di Gallipoli, Racale e Marina di Alliste, hanno arrestato, in flagranza di reato per tentato omicidio e porto abusivo di arma da taglio, Ivano Protopapa, 21enne, di Racale. Alcune ore prima, intorno alle due, si è presentato, presso il Pronto soccorso dell’Ospedale civile di Gallipoli, accompagnato dalla propria consorte, un uomo di 40 anni, di Racale, sanguinante a causa di varie ferite da taglio presenti sul busto e sulla spalla. I militari accorsi hanno iniziato a raccogliere i primi dati informativi per attivare subito una caccia all’aggressore, ma da subito, si comprendevano che l’autore del gesto criminoso era Protopapa. Le ricerche si sono concluse alle 6 del mattino, quando l'uomo è stato ritrovato nel luogo dell'accoltellamento, nascosto dietro i cespugli. Ricostruendo l'accaduto, è stato possibile stabilire che l’aggressione è avvenuto all'1:30 circa, quando l’accoltellato si stava recando presso l’abitazione di sua moglie. Giunto nei pressi di quella proprietà, è stato invece aggredito alle spalle da Protopapa. Solo l’intervento della moglie, che nel frattempo era uscita da casa attirata dalle urla del marito, ha evitato il peggio. Si precisa che Protopapa aveva avuto, sino a qualche mese precedente, una infatuazione nei confronti della stessa signora. L'uomo è stato arrestato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!