Servizi sociosanitari. Al Salento oltre 1milione e mezzo di euro di contributi

Finanziati, in provincia di Lecce, dalla Regione Puglia, 5 progetti: 1 a Cavallino, 1 a Scorrano, 2 a Lecce, 1 a Galatina. Sottoscritti protocolli d'intesa con i Comuni interessati

L'assessore al welfare, Elena Gentile, ha illustrato ai giornalisti le nuove iniziative finanziate dalla Regione, nell'ambito dei fondi Fers, per le infrastrutture sociali e sociosanitarie. Al termine della conferenza, i sindaci dei Comuni interessati dalle iniziative hanno sottoscritto, con la Regione, gli specifici Protocolli. Nel Salento sono stati finanziati 5 progetti: 1 a Cavallino, 1 a Scorrano, 2 a Lecce, 1 a Galatina per un totale di 1.784.300 euro. Elenco “Strutture innovative” Al Comune di Cavallino, è stato concesso un finanziamento di 825.000 euro per una residenza sociosanitaria assistenziale per anziani. Costo totale 1milione e 100mila euro. All'Istituto Immacolata di Galatina, per Net Ability – Servizio di accompagnamento, il finanziamento ammonta a € 302.800 euro e coincide con il costo totale è del progetto. Al Comune di Scorrano, per il Centro Polivalente – Servizi socioeducativi, sono stati concessi 427.500 euro. Costo totale 450.000 euro. Per il progetto Afersi (Affiancamento Fraterno e Risorse per i Servizi di Inclusione) alla Parrocchia San Nicola di Lecce, il contributo è di 189.000 euro; 40.000, invece, gli euro al Consorzio Emmanuel, per “Nuove Idee per il Lavoro”. Entrambi i contributi coincidono con il valore totale dei progetti. Ad Arnesano, la scuola dell'infanzia paritaria “Ipab Bernardini” ha invece ritirato il progetto esecutivo di intervento, ristrutturazione e adeguamento funzionale denominato “Donna Giulia”. Per approfondimenti, cliccare qui

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!