Xylella, nuovi test commissionati all’Università di Foggia

Circa 2mila test, da eseguire su altrettanti campioni di piante, alla ricerca del batterio della xylella fastidiosa. La Regione Puglia – Area politiche per lo sviluppo rurale – Servizio agricoltura ha affidato l’incarico al Laboratorio di analisi fitosanitarie dell’Università di Foggia, di cui è responsabile il prof. Salvatore Frisullo del Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente. Lo ha reso noto la stessa Università attraverso un comunicato pubblicato sul proprio sito. I test verranno effettuati con il metodo chiamato “Elisa”. “E’ una grande soddisfazione – ha commentato Frisullo – essere stati interpellati per questa vasta attività di screening, che in realtà noi facciamo già da molto tempo e per diversi altri casi di epidemia batterica rilevata su piante singole o intere coltivazioni industriali. Una chiamata, quella della Regione Puglia, che testimonia l’elevato grado di attendibilità del nostro laboratorio”.
Leggi l’intera inchiesta: Parte 1: Xylella. Fastidiosa, ma non per tutti Parte 2: Le misure della Regione Parte 3: I comitati: ‘Interventi esagerati’ Parte 4: Xylella chi? Parte 5: La prima volta non si scorda mai Parte 6: Due esposti in un giorno Parte 7: I fondi Parte8: Il triste epilogo Parte 9: Marotta: ‘Magari fosse una bufala’ Parte 10: Stefàno: ‘Non c’era scelta, tutto secondo protocollo’ Parte 11: Xylella, le bufale e i cavalli di Troia

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!