Agricoltura: la Cisl apre uno sportello

A Taurisano, promozione, informazione, consulenze e corsi di formazione per le aziende e i lavoratori del comparto

A partire da oggi, la Ugc (Unione Generale Coltivatori) della Cisl di Lecce fornirà assistenza e ascolto agli agricoltori grazie all’apertura di uno Sportello di Sviluppo Agricolo e Ambientale. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Comune di Taurisano, consentirà di fornire un’attività di sportello articolata in diversi appuntamenti di ricezione e analisi di istanze da parte degli utenti del comparto. Chi si rivolgerà allo sportello, infatti, potrà ottenere consulenze specifiche da parte di personale specializzato e anche partecipare a momenti di formazione e informazione per le aziende agricole su materie quali la “sicurezza nei luoghi di lavoro”, la “tutela della sicurezza ambientale e alimentare” e un “corso formativo di innesti per le piante arboree”. Ospitato presso la sede del Comune di Taurisano, lo sportello verrà inaugurato oggi alle 17.30 ed è la risposta all’esigenza di corrispondere a numerose manifestazioni di interesse dimostrate in più occasioni dal mondo agricolo del Comune di Taurisano, ma è anche e soprattutto il risultato di una volontà della Ugc, tesa alla promozione e alla creazione di nuove realtà imprenditoriali nell’agricoltura, con particolare riferimento al ricambio generazionale, alla cooperazione agricola ed alla promozione di imprese sociali, alle economie agrarie, rispettose dell’ambiente e della salute e, soprattutto, all’accrescimento culturale legato al mondo agricolo tradizionale, oramai in continua evoluzione anche alla luce delle linee guida che verranno emanate dalla Comunità europea in vista della nuova Pac post 2013. L’iniziativa non si fermerà al Comune di Taurisano, ma proseguirà con l’apertura di altri sportelli in tutta la Provincia di Lecce continuando con l’attivazione dello sportello di Matino prevista per il 16 dicembre prossimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!