'Nuova An.Pa'. Assolti i 9 imputati. Tra loro Vincenzo Barba

L’inchiesta era legata alle attività di bunkeraggio della società petrolifera e di società collegate da rapporti commerciali e risalenti al triennio 2000 – 2002

Sono stati tutti assolti, perché il fatto non sussiste, i nove imputati accusati di associazione a delinquere, falso e truffa ipotizzati dalla Procura di Lecce nell’ambito del processo relativo alla società petrolifera Nuova An.Pa, facente capo all’onorevole gallipolino Vincenzo Barba, ritenuto il promotore dell’associazione. L’inchiesta era legata alle attività cosiddette di bunkeraggio della società petrolifera e di altre società collegate da rapporti commerciali, e risalenti al triennio compreso tra il 2000 e il 2002. Secondo la Procura, attraverso una serie di attestazioni false, il responsabile di Nuova An.pa avrebbe indicato delle operazioni di intermediazione per i rifornimenti in mare di olii combustibili per navi italiane ed estere inesistenti. Le operazioni sarebbero state agevolate dalle attestazioni di alcuni referenti campani della compagnia petrolifera Agip, e avrebbero causato un danno patrimoniale alla stessa società pari 250 mila euro. Un altro filone dell’inchiesta riguardava l’emissione di 67 fatture nelle quali sarebbero stati contabilizzati e incassati dalla Nuova An.pa) costi mai sostenuti per “la sosta di autobotti” da parte delle ditte interessate. Oggi, a quasi tre anni dall’inizio del processo, tutte le accuse sono cadute e i giudici hanno ritenuto gli imputati estranei alla vicenda e da tutti i reati ipotizzati dalla Procura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!