Intramoenia: medico evade 13mila euro

Non fattura prestazioni effettuate per la Asl di appartenenza, omettendo l’emissione del documento fiscale al fine di occultare il guadagno

La Guardia di Finanza di Tricase ha concluso una verifica in materia di spesa sanitaria. L’attività ha riguardato un medico operante nel così detto regime di “intramoenia allargata”. Il regime consente ai medici che svolgono la propria attività alle dipendenze delle Asl di esercitare la professione anche presso studi medici esterni alla struttura sanitaria pubblica, ma per conto della medesima. In pratica il professionista esercita la propria attività e percepisce un corrispettivo che viene fatturato dall’azienda pubblica la quale, a sua volta, ha diritto a ricevere una percentuale di detto corrispettivo, pari al 25%. In particolare, la Guardia di Finanza ha individuato un medico che, invece di fatturare le prestazioni effettuate per conto della Asl di appartenenza, ometteva l’emissione del documento fiscale per occultare alla propria Asl le prestazioni eseguite trattenendo il corrispettivo percepito per la visita espletata. Nel caso, il medico controllato nel corso dell’anno 2010 ha fornito diverse prestazioni senza emettere il previsto documento fiscale percependo, a fronte delle medesime, complessivi €.13.289,00. Tale comportamento configura l’ipotesi di reato di truffa, prevista e punita dall’art.640, comma 2°, del Codice Penale e, pertanto, lo stesso è stato denunziato, a piede libero, all’Autorità Giudiziaria competente e rischia: la reclusione da uno a cinque anni e la multa da €. 309,00 ad €. 1.549,00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!