Quercia Vallonea simbolo di Puglia

Parco Naturale Regionale “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”: finanziato dalla Regione un progetto per la ripopolazione e la tutela dell'entita botanica

Con 700 anni di storia e 35 metri di chioma, la Quercia Vallonea (Quercus ithaburensis subspecie Macrolepis) costituisce l’entità botanica più rappresentativa e suggestiva della flora salentina, per via della sua diffusione italiana: l’unica stazione spontanea dell’Europa Occidentale, concentrata nel ristretto areale di Tricase. Essa figura tra le specie per le quali a livello mondiale è riconosciuta l’esigenza di istituire riserve per salvaguardare lo stock genetico ( Unesco 1979) oltre ad essere inserita nella lista rossa nazionale delle specie a rischio. Dal 2000 la Quercia Vallonea di Tricase è per il WWF l’albero simbolo della Regione Puglia. Oggi quest’importante “poema ligneo dell'estremo meridione” è al centro di una serie di azioni promosse dal Parco Naturale Regionale “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase” e finanziate dalla Regione Puglia per 140.000 euro. Le linee guida prevedono la consulenza fitosanitaria di esperti sugli esemplari più vetusti, interventi di riqualificazione e ripopolazione di alcune aree pubbliche ma anche private: 2.226 individui acquisiti dal Parco saranno infatti distribuiti a chi ne farà richiesta nei comuni di vocazione della nostra pianta. Come ogni progetto che riguardi il territorio, la sensibilizzazione della comunità e’ un passaggio fondamentale: in tale ottica è già in fase di predisposizione il “giardino delle vallonee” presso il sito “Unico biotopo delle vallonee” a Tricase. Obiettivo di questo programma, elaborato di concerto dal Comitato Esecutivo del Parco con l’Università del Salento è la tutela e la conservazione della biodiversità floristica e faunistica di un’area che a buon diritto può essere considerata un patrimonio importante e unico, oltreché il volano principale di un turismo ecosostenibile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!