Assegno con firma falsa: denunciato agente

L’incasso del titolo non è andato a buon fine in quanto la banca ha contestato al beneficiario proprio la sigla apposta

Un subagente di un’agenzia assicurativa del basso Salento dovrà rispondere dei reati di truffa e falso a seguito delle indagini esperite dai Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Lecce. Infatti, dagli accertamenti svolti, è emerso che il subagente aveva consegnato al titolare dell’agenzia di assicurazione, con la quale aveva instaurato un rapporto di collaborazione, un titolo di credito, per alcune migliaia di euro, apponendovi una firma falsa a nome del titolare del conto dal quale era stato tratto l’assegno, suo amico compiacente. L’assegno in questione, emesso quale riversamento delle somme ricevute dai clienti del sub-agente a fronte del pagamento di polizze assicurative inerenti la Rca auto, portato all’incasso dal titolare dell’agenzia, non è andato a buon fine in quanto la banca traente ha contestato al beneficiario proprio la firma apocrife apposta sullo stesso. E’ stata appurata infine la complicità di un amico del sub-agente che, inspiegabilmente, ha consegnato a questi alcuni assegni “in bianco” (fra cui quello utilizzato per perpetrare la truffa) e che, venuto a conoscenza dell’illecito uso fatto da uno dei suoi titoli di credito non ha ritenuto opportuno denunciare detto sub-agente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!