Start up. L'aiuto per le microimprese

Lecce. Il bando, a sostegno della Zona Franca Urbana (167 A, 167 B e 167 C), sarà presentato oggi presso il Centro Sociale di via Matera

Si terrà a Lecce, oggi, alle ore 19:30, presso il Centro Sociale di via Matera, la presentazione di “Start up”, bando della Regione Puglia a sostegno della Zona Franca Urbana. Interverranno il sindaco Paolo Perrone ed il vicepresidente della Regione Puglia, Loredana Capone. I dettagli e le procedure per la richiesta di benefici saranno illustrati da Andrea Vernaleone (Puglia Sviluppo) e da Raffaele Parlangeli (dirigente del settore Programmazione e Strategie Territoriali del Comune di Lecce). “Start Up” è lo strumento con cui la Regione Puglia sostiene alcune particolari tipologie di soggetti che secondo i parametri definiti dall’Unione europea si ritrovano in una condizione di “svantaggio” nella creazione e nell’avvio di un’attività di impresa. L’obiettivo è migliorare lo sviluppo economico regionale e far aumentare il numero di posti di lavoro sul territorio offrendo un aiuto a quei soggetti che difficilmente potrebbero aprire un’impresa autonomamente. L’iniziativa viene realizzata dalla Regione Puglia con il sostegno dell’Unione europea, attraverso il Programma Operativo Fesr 2007-2013. La dotazione complessiva per il nuovo bando è di 27 milioni di euro. In sostanza, “Start Up” sostiene le microimprese finanziando a fondo perduto (quindi senza alcun obbligo di restituzione) una parte delle spese di investimento iniziale e una parte delle spese di gestione dell’impresa per il periodo di avvio e per i successivi 3 anni di esercizio nei settori che vanno dalla produzione industriale di pasti e piatti pronti, alla fabbricazione di tappeti, articoli in paglia, prodotti farmaceutici, e ancora computer, autoveicoli, costruzioni e attività di produzione cinematografica, design, interpretariato, attività di pulizia e organizzazione di convegni. “Start Up” sostiene anche le imprese commerciali nelle aree eleggibili quali Zone Franche urbane per situazioni di disagio. Com’è noto, la Zona Franca Urbana della città di Lecce riguarda un perimetro all’interno delle zone 167 A, 167 B e 167 C. Le domande potranno essere inviate a partire dal 30 novembre 2010 ma senza termini finali visto che il bando sarà aperto fino all’esaurimento delle risorse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!