Perrone e Pagliaro in visita al Fazzi

L'appuntamento era stato programmato nell’ambito dei lavori dell’Osservatorio Permanente Sanitario del Comune di Lecce

Pochi giorni fa, il sindaco fi Lecce, Paolo Perrone e l’assessore alla Sanità, Alfredo Pagliaro, si sono recati presso l’ospedale “Vito Fazzi” dove, partendo dal 118 e dal Pronto Soccorso, hanno visitato i reparti di Cardiologia, Cardiochirurgia e Medicina Generale, punti nevralgici della struttura stessa. L'amministrazione comunica che, la visita è stata l’occasione per soffermarsi a parlare con i pazienti e col personale addetto prendendo atto di alcuni disservizi ancora presenti all’interno della struttura e verificando lo sforzo che il personale medico e paramedico svolge nonostante le lacune e le carenze strutturali legate a cattivi investimenti. Il Sindaco e l’Assessore si sono, quindi, impegnati a farsi portavoce nei confronti della Direzione Generale in modo da trovare soluzioni concordi tali da portare al più presto ad un tavolo di concertazione dove, ancor più, si possa essere incisivi nel dare risposte certe ed il più possibile immediate al cittadino. La visita era stata programmata qualche giorno fa nell’ambito dei lavori dell’Osservatorio Permanente Sanitario del Comune di Lecce, composto dall’assessore Alfredo Pagliaro e da un team scelto di medici. L’Osservatorio è sorto come strumento di collegamento tra il cittadino/paziente e le strutture sanitarie locali sia pubbliche che private e si prefigge, operando gratuitamente, di migliorare i sevizi offerti in funzione della tipologia e della dislocazione dei bisogni presenti sul nostro territorio. Obiettivo primario dell’ultimo incontro è stato proprio quello di fare il punto sulla qualità dei vari servizi erogati al cittadino in ambito sanitario da parte delle strutture locali. In particolare, è stato trattato, quale termometro delle criticità presenti, il problema della scarsa informazione da parte del personale addetto, i tempi di attesa per le prenotazioni nonché la qualità di ‘accoglienza’ nei confronti del paziente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!