Puglia: 100 progetti innovativi per il distretto agroalimentare regionale

Le tematiche strategiche, in linea con le principali tendenze del comparto a livello nazionale e internazionale riguardano innovazione di prodotto e packaging, qualità e sicurezza alimentare, salute e soluzioni eco-sostenibili.

Cento progetti innovativi che puntano a migliorare il sistema produttivo delle aziende agroalimentari pugliesi al fine di renderle più competitive sul mercato. Progetti che riguardano tematiche strategiche, in linea con le principali tendenze del comparto a livello nazionale ed internazionale: innovazioni di prodotto e packaging; qualità e sicurezza alimentare; alimenti e salute; soluzioni eco-sostenibili. L'attività del Distretto Tecnologico Agro-alimentare della Regione Puglia (D.A.Re.) entra, dunque, nel vivo. Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur) lo scorso 29 ottobre ha pubblicato l'avviso che prevede il finanziamento dei 4 Distretti Tecnologici pugliesi già operativi, con un ammontare stanziato di 135 milioni di euro. Entro il prossimo 15 febbraio 2011, quindi, il D.A.Re. scarl – la società di gestione del Distretto agro – alimentare con sede in Foggia – dovrà presentare il proprio “Piano di Sviluppo” unitamente a progetti di ricerca e di sviluppo focalizzati su tematiche tecnologiche di frontiera. Per questo, dallo scorso 20 luglio il D.A.Re. ha attivato una procedura per la raccolta di progetti proposti da enti di ricerca pugliesi di concerto con le principali imprese innovative della Regione. L'iniziativa ha riguardato sia i soci esistenti sia le imprese non socie, con l'impegno, per queste ultime, di associarsi al Distretto. La procedura ha riscosso un'enorme attenzione superando di gran lunga le aspettative del Consiglio di Amministrazione e confermando di fatto il livello di fiducia nel Distretto da parte degli operatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!