Progetto parcheggio per la Baia Verde di Gallipoli

Riunione in Comune per parlare anche di allacciamento delle abitazioni alla rete pubblica fognante e per la creazione di un piano acustico

Si è svolta nei giorni scorsi, presso il Comune di Gallipoli, una riunione tra una delegazione dell'associazione “Baia Verde”, guidata dal presidente Giuseppe Magaraggia e l'amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Giuseppe Venneri, dall'assessore ai Lavori Pubblici ed Urbanistica Biagio Palumbo, dal consigliere Enzo Mariello e dall'ingegnere Giuseppe Carmone (Ufficio Tecnico Comunale). L'incontro è servito per un confronto sulle problematiche relative alla marina, particolarmente frequentata durante la stagione estiva. “La riunione – ha infatti confermato l'assessore Palumbo – è servita per comprendere al meglio le esigenze dei villeggianti e dei turisti che affollano la Baia Verde ogni anno sempre di più. Si tratta di problemi che non è più possibile eludere, compatibilmente con le casse comunali. Per questo l'amministrazione auspica una serie di incontri per la verifica di quanto fatto e di quanto possibile ancora da fare”. In particolare i rappresentanti dell'esecutivo cittadino hanno evidenziato come sia allo studio e come possa essere realizzato un parcheggio nei pressi della Baia Verde, assai utile per snellire il traffico intenso che si verifica sulla litoranea. Inoltre, unitamente ai dirigenti dell'associazione, hanno evidenziato come sia necessario che tutti i residenti nella Baia Verde provvedano all'allacciamento delle loro abitazioni alla rete pubblica fognante, per evitare il protrarsi dell'esistenza dei pozzi neri. Sulla questione dei rumori molesti durante le ore notturne (questione sentita dai residenti in estate), sindaco e amministratori hanno segnalato che è allo studio e in via di attuazione per il prossimo anno il piano acustico di zona che interessa anche la Baia Verde. “E' necessario – ha concluso il responsabile dei Lavori Pubblici – che le varie associazioni di quartiere e penso anche a quelle della zona Peep, del centro storico, della Padula Bianca, lavorino in stretta relazione con il Comune, in modo tale da conoscere esattamente le esigenze ed i problemi e coordinare i puntuali interventi al fine di rendere al meglio e di consentire una migliore vivibilità nel loro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!