Centro commerciale a Cavallino: tutti assolti, ma l'indagine continua

Il processo era il filone principale di una grossa inchiesta. I due procedimenti stralciati hanno dato via a due indagini in corso

La sentenza di assoluzione, perché il fatto non sussiste, nei confronti dei sei imputati del processo nato dalla complessa vicenda relativa ai presunti abusi legati al centro commerciale di Cavallino, è divenuta irrevocabile. Il 31 ottobre scorso, infatti, sono scaduti i termini per il ricorso in Cassazione e si è quindi conclusa la lunga vicenda giudiziaria legata ad uno dei principali parchi commerciali del Salento. Secondo i giudici, dunque, non vi è stato alcun tipo di illecito o alcuna forma di abusivismo edilizio. A stabilirlo due sentenze: quella di primo grado e quella dell’Appello, pronunciata l’otto luglio dello scorso anno. Nessuna responsabilità penale è stata ravvisata nei confronti dei sei imputati: l’allora sindaco del piccolo comune a sud del capoluogo salentino, l’onorevole Gaetano Gorgoni; il segretario comunale Pantaleo Giausa; il geometra comunale Giuseppe De Giorgi; Raffaele Flaminio, progettista dell’ampliamento della zona Pip; all’imprenditore Tommaso Ricchiuto e al progettista dell’Ipersalento Cesare Barrotta. Dopo il pronunciamento della sentenza di primo grado, il pubblico ministero aveva chiesto la riforma della stessa. Richiesta rigettata dal collegio dei giudici d’Appello, presieduto da Valerio Fracassi. Il processo in questione è in realtà solo il filone principale della grossa inchiesta condotta sette anni fa dai militari del Comando provinciale della guardia di finanza di Lecce e coordinata dal sostituto procuratore Marco D’Agostino. Gli altri due procedimenti, stralciati nel corso dell’udienza preliminare, hanno dato via a due processi paralleli ancora in corso, entrambi nel primo grado di giudizio. Nel primo l’ipotesi di reato è di associazione a delinquere finalizzata all’abuso di ufficio. Nel secondo, invece, l’accusa era inizialmente di concussione, poi derubricata in corruzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!