Lecce, lancio uova e ingiurie sui muri contro la Cisl

Per il sindacato si tratta di manifestazione di intolleranza e tentativi di intimidirne libertà e autonomia

Le segreterie della Cisl di Puglia e di Lecce, in un comunicato congiunto, hanno definito molto grave il lancio di uova e le scritte ingiuriose contro la sede del sindacato nel capoluogo salentino. “Una manifestazione d'intolleranza – dicono – un tentativo di intimidire il sindacato, la sua libertà e la sua autonomia. Non ci spaventa il gesto, ma non ci piace il clima che si è creato intorno agli sforzi che la Cisl compie per affrontare i danni della crisi sui lavoratori e sul Paese. Di fronte all'ampio consenso che i lavoratori italiani manifestano alla Cisl ed alle sue scelte riformiste, nonostante i risultati importanti sul terreno della tenuta dell'occupazione e dei nuovi investimenti al sud che questa strategia sta determinando, stiamo subendo aggressioni e dileggi di chi non ha altra soluzione da proporre che l'accentuazione dei conflitti”. «Il Paese – si legge nella nota – ha bisogno di ritrovare la concordia e la convergenza sui temi del lavoro e dello sviluppo, temi che in Puglia, e soprattutto a Lecce, la Cisl sta mettendo al centro della propria iniziativa, richiamando l'attenzione e l'impegno delle Istituzioni e delle aziende sui destini delle migliaia di lavoratori e lavoratrici che rischiano di perdere o hanno già perso il lavoro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!