Veramente falso. Migliaia di sequestri della Finanza

GUARDA IL VIDEO. Mercato settimanale di Casalabate sotto la lente della Guardia di finanza di Lecce. Migliaia di oggetti contraffatti tra capi d'abbigliamento e cd

Continuano i sequestri e l’attività finalizzata alla repressione del fenomeno della contraffazione da parte degli uomini del Comando provinciale della Guardia di finanza di Lecce nell'ambito dell'operazione denominata “Veramente falso”, avviata nell'agosto del 2008. Quasi 5mila i capi sottoposti a sequestro tra Cd, scarpe, borse e capi d’abbigliamento, in 4 distinte attività compiute tra le vie del centro del capoluogo salentino e il mercato settimanale di Casalabate. Sei, invece, le persone denunciate in stato di libertà, di cui due con l’aggravante della resistenza a pubblico ufficiale. Un’attività, quelle delle Fiamme gialle, supportata anche dall’ausilio di riprese video. Due gli acquirenti sorpresi dai finanzieri, una donna e un ragazza: per loro, in base a quanto previsto dal cosiddetto “pacchetto sicurezza”, una sanzione amministrativa che varia da un minimo di 100 a un massimo di 7.000 euro. Per i commercianti le sanzioni partono da un minimo di 20mila fino ad un 1 milione di euro. Dall'agosto del 2008 sono stati oltre due milioni i pezzi di merce sequestrata. In mattinata il colonnello Patrizio Vezzoli, comandante Provinciale di Lecce della Guardia di Finanza, sarà premiato con il premio “Terra del Sole Award 2010” per i brillanti successi ottenuti nella lotta alla contraffazione, con particolare riferimento alle merci che violano un diritto di proprietà intellettuale

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!