Truffe in agguato in autogrill e autostrada

Giovanni D'Agata denuncia le innumerevoli truffe che si registrano in autogrill e sulle nostre autostrade

Si affiancano alla macchina e con fare gentile, affabile e quasi familiare ti propongono l’affare e puntualmente qualcuno prima o poi ci casca, e poi chi si è visto si è visto perché l’autostrada è lunga e veloce. Sarà la rapidità dell’interlocuzione unita all’abilità del proponente e alla buonafede del malcapitato, ma nonostante gli avvertimenti, le numerose denunce per fatti analoghi capita spesso che sprovveduti cittadini siano frodati a volte per poche decine di euro a volte anche di più. Fatto sta che la denuncia segnalata in data odierna a Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” rappresenta una storia di ordinaria fregatura in un autogrill come tante se ne sono sentite in passato sulle autostrade del sud ma che arriva sorprendentemente dal nord, in particolare nei pressi di Bologna. Questa volta, però il cittadino che si è sentito truffato ha ben pensato di sporgere immediatamente denuncia – querela innanzi ai carabinieri della stazione di Pianoro per sperare di recuperare alcune decine di euro sprovvedutamente consegnate ad un sedicente conoscente. Non ci resta dunque che sperare anche noi che le indagini della Procura e della Polizia Giudiziaria possano risalire ai responsabili e rivolgere un appello permanente ad ogni cittadino che nell’acquisto di qualsiasi bene bisogna accertarsi preventivamente della correttezza dell’affare da una parte e della professionalità del venditore dall’altra. Lecce, 05 ottobre 2010 Giovanni D’AGATA Componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!