Genitori-figli, si danza

Lecce. Al via da oggi i laboratori gratuiti nei locali del consultorio familiare dell’ex Fazzi

LECCE – Rafforzare il rapporto genitore figlio. Niente di più piacevole: ci pensa la danza. Ci pensa, in particolare, il progetto “Corpo e Movimento” dell’associazione “Marmocchi”, destinato ai bambini tra i cinque e i dieci anni che vivono nel quartiere Leuca di Lecce e ai loro genitori. La danza come arte, secondo un metodo di insegnamento che ponga al primo posto il valore e il rispetto del corpo‚ il suo ascolto, l'esplorazione della sua intelligenza‚ alla ricerca di un ritmo naturale ed organico. L'obiettivo è quello di sviluppare e ampliare, in un'atmosfera creativa, le qualità psicomotorie caratteristiche dei bambini in questa fase particolare dello sviluppo psicofisico, in cui si possono sperimentare e potenziare le capacità individuali del bambino, con l’aiuto dell’osservazione e coinvolgimento fisico del genitore. In particolare, l’intervento della tecnica psicomotoria favorisce la possibilità di sostenere, attraverso il gioco, le fasi emozionali e psicologiche, con un intervento specifico sulle varie personalità e caratteristiche dei singoli bambini e della loro capacità di aggregazione. Il progetto prevede di portare tale relazione al di fuori delle mura domestiche e di renderla motivo di sperimentazione, così da vivere in prima persona un nuovo scambio tra genitore e figlio che darà la possibilità di scoprire atteggiamenti abitudinari e di ricreare nuovi equilibri, nuovi giochi, nuove relazioni tra i due. I laboratori, interamente gratuiti, saranno tenuti dalle danzatrici professioniste Anna Maria De Filippi e Francesca Nuzzo. Si parte oggi nei locali del consultorio familiare attualmente utilizzati anche per i corsi di preparazione al parto all’interno dell'ex ospedale Vito Fazzi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment