“Prendersi cura di sè” in Ateneo

E' il nome dello sportello Informa Donna che nasce grazie al protocollo di intesa firmato da Università del Salento e Asl Lecce

L’Università del Salento e la Asl Lecce sottoscrivono un protocollo d’intesa che consente l’avvio dell’attività di uno “Sportello Informa Donna” per un periodo di sperimentazione di dodici mesi. Lo sportello, “Prendersi cura di sé”, sarà operativo nella sede del Comitato Pari opportunità dell’Ateneo a Palazzo Principe Umberto (viale Gallipoli 49, Lecce), con apertura ogni martedì dalle ore 9.30 alle ore 11.30. Obiettivo dello Sportello – che vede la consulenza di specialisti indicati dalla Direzione sanitaria della Asl Lecce e coordinati dal dottor Antonio Marciante, Direttore del Distretto socio sanitario – è informare sui temi della salute di genere il personale e le studentesse/gli studenti dell’Università del Salento. Si tratta di accedere a informazioni (comprese notizie sulle risorse territoriali disponibili) in tema di salute, prevenzione e conoscenza del proprio corpo, dai sistemi di contraccezione alle malattie sessualmente trasmesse, dalla prevenzione dei tumori del collo dell’utero e della mammella alla menopausa. La consulenza dello Sportello, che non comporta alcun onere finanziario per il Comitato ma soltanto la disponibilità della stanza, del telefono e della postazione di lavoro necessaria, comprenderà anche un’indagine conoscitiva sulla conoscenza delle donne dei test preventivi e sull’attitudine a eseguirli. Il progetto – risultato dell’incontro tra due Istituzioni che sperimentano una collaborazione sulla base dell’interesse comune di salvaguardare e migliorare il benessere delle donne – rientra nel “Piano di azioni positive” 2010/2011 del Comitato Pari opportunità dell’Università del Salento, Piano che contiene un “progetto salute” con riferimento a “interventi mirati alla formazione/informazione e sensibilizzazione delle studentesse e delle lavoratrici dell’Università del Salento riguardo alla prevenzione delle patologie femminili e al loro benessere”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!