Abusivismo nel leccese: sequestrati 43 box

I garage erano stati locati “a nero” e gli introiti incassati e sottratti al fisco. Denunciato il proprietario

Al termine di controlli eseguiti presso un comune dell’hinterland leccese, le Fiamme Gialle di Lecce hanno sequestrato 43 box auto realizzati in modo del tutto abusivo, per complessivi mq. 1.068,21 (e corrispettivi mc. 3.898,95) 2 tettoie destinate al ricovero di automezzi, per complessivi mq. 379,92, anch’esse realizzate senza alcun titolo autorizzativo. I finanzieri hanno poi denunciato il proprietario degli immobili alla Procura della Repubblica di Lecce per abusivismo edilizio; lo stesso rischia, ora, l’arresto fino a due anni ed un’ammenda da 5.164,00 a 51.645,00 euro. Nel corso delle operazioni i militari hanno accertato, inoltre, che tutti i succitati box erano stati locati “in nero”; gli introiti incassati e sottratti al fisco nel periodo 2005/2010 ammontano, secondo una preliminare ricostruzione dei dati desunti dalla lettura delle scritture private acquisite, a circa 70.000 euro. Le Fiamme Gialle hanno, altresì, constatato che più della metà dei conduttori è titolare di partita Iva; tra essi figurano artigiani, ambulanti e professionisti. In sei casi, peraltro, i relativi affittuari sono risultati essere “evasori totali”, dal momento che non hanno presentato le prescritte dichiarazioni dei redditi; altri, invece, hanno dichiarato volumi d’affari ben più bassi degli stessi canoni corrisposti, annualmente, per le rispettive locazioni. La posizione del proprietario e dei relativi affittuari, pertanto, sarà ora oggetto di specifici approfondimenti fiscali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!