Corridoi Verdi a Lecce: la città cambia faccia

Progetto di riqualificazione di quartiere Rudiae – San Pio, tratto fra Viale Rossini – Via Foscolo e Piazza del Bastione e centro storico

“Tratto d'unione – corridoi verdi” è un nuovo progetto per la Città di Lecce, presentato questa mattina dagli architetti Alfredo Foresta, Tiziana Panareo ed Ester Annunziata di “Punto a Sud Est”, cui il Comune aveva precedentemente affidato uno studio di fattibilità per interventi di riqualificazione del territorio. Sono tre sono le zone interessate: il quartiere Rudiae – San Pio, il tratto compreso fra Viale Rossini – Via Foscolo e Piazza del Bastione e il centro storico da Piazza S. Oronzo e Castello Carlo V fino a P. San Biagio. L'iniziativa ruota attorno a un nuovo modo di concepire le strade, rendendole elementi attivi dell'urbanistica e rinnovandone la funzione di collegamento e continuità tra le diverse zone della città. Il mutamento del concetto di strade implica nuove progettazioni e miglioramenti reali, con importanti trasformazioni da compiere sul tessuto urbanistico: dal sistema di illuminazione alla viabilità, passando per la valorizzazione dei “tanti centri” del capoluogo. Il livello funzionale del cambiamento a dovrebbe toglie al valore dell'impatto estetico delle novità. Gli architetti propongono di ricoprire con l'istallazione di filamenti colorati e piante rampicanti i tralicci del filobus, che però ancora non parte. Altre idee da realizzare riguardano la riqualificazione dell'ex Manifattura Tabacchi e la riapertura di Parco Corvaglia. In allegato una rappresentazione dei progetti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!