Non collaborano con la finanza: multati per 2.065 euro

Nei guai tre studenti originari di tre diversi Comuni della provincia di Lecce e i proprietari degli immobili in cui i ragazzi vivono

Tre studenti di tre distinti comuni della provincia di Lecce che occupavano altrettanti appartamenti nel capoluogo provinciale, non hanno fornito alla Guardia di Finanza le dovute informazioni richieste, violando quanto previsto dalla normativa fiscale in tema di accertamento delle imposte dirette e, pertanto, sono stati segnalati alla competente Agenzia delle Entrate per l’irrogazione della sanzione amministrativa prevista fino a 2.065 euro cadauno. Sebbene l’interesse principale degli investigatori non fosse rivolto agli inquilini, bensì ai proprietari degli immobili concessi in affitto, i finanzieri hanno inviato un questionario agli inquilini studenti, al solo fine di avere dettagliate informazioni sull’ammontare e le modalità di corresponsione dei canoni. Al termine del controllo sono stati sanzionati, così come previsto dalle norme fiscali, anche gli inquilini che non avevano adempiuto all’obbligo di rispondere ai questionari precedentemente loro inviati, non fornendo in tal modo l’acquisizione di importanti elementi conoscitivi per la verifica del corretto adempimento dei doveri fiscali da parte dei rispettivi locatari di immobili. Il servizio è stato eseguito dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Casarano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!