Sequestrati oltre 4mila articoli di bigiotteria, accessori e cosmetici

Si tratta, in particolare, di oggetti privi del marchio CE e dell’etichettatura merceologica, che ne garantisce la sicurezza d’uso

Nelle marine di Salve e Torre Vado, sono stati effettuati controlli nei confronti di cinque venditori ambulanti di origine extracomunitaria, che avevano vendevano accessori di abbigliamento non in regola, con la normativa comunitaria e nazionale sulla sicurezza dei prodotti. Nei loro confronti, che avevano posto in vendita 4.123 articoli di bigiotteria, accessori di abbigliamento e cosmetici (orecchini, anelli, collane, piercing, cinture, smalti per unghie) senza la garanzia che gli stessi prodotti non costituissero potenziale pericolo per la salute dei consumatori, sono state effettuate le conseguenti segnalazioni alla Camera di Commercio in attesa che ne disponga la relativa confisca e la conseguente distruzione. Si tratta, in particolare, di oggetti di bigiotteria, di abbigliamento e cosmetici risultati privi del marchio CE e dell’etichettatura merceologica, che ne garantisce la sicurezza d’utilizzo e di cui si disconosce la composizione del materiale impiegato, il luogo di fabbricazione, l’azienda produttrice e/o l’importatore, le precauzioni d’uso. Pertanto, anche nel caso di piccoli oggetti dall’apparenza innocua, come braccialetti o collanine, occorre prestare molta attenzione, in quanto la pessima qualità delle materie prime e la loro fabbricazione approssimativa, possono comportare il distacco di parti minuscole, con conseguenti gravi rischi a danno dei potenziali utilizzatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment