I Luoghi d'Allerta a Villa Baldassarri

L'appuntamento è oggi, alle 21, sul sagrato della chiesa di San Giovanni. Ospiti della serata “Niuri de Sule”

Gli itinerari di spettacolo di “Luoghi d'Allerta” si fondono con i suoni, i rumori, gli odori di una delle più antiche feste popolari del Salento. La visita di domenica 5 settembre sarà a Villa Baldassarri, in occasione della sagra del maiale, una delle più antiche del Salento. Villa Baldassarri sorge su un territorio che fino al medioevo era occupato dalla Foresta di Oria. Le sue origini sono legate all'antica Grancia Basiliana di San Giovanni Monicantonio, estesissimo feudo ubicato al centro della provincia. In questo territorio largamente disabitato venne a costituirsi un primo insediamento, Casale San Giovanni, oggi scomparso, poco più a nord dell'attuale Villa Baldassarre, nella zona occupata dalle masserie Antoglietta e Carritelli. Nel XVI secolo la famiglia leccese dei Baldassarro acquistarono il feudo, che nei primi decenni del XVII secolo fu suddiviso fra i numerosi eredi. Ogni porzione del feudo divenne sede di una masseria. I Baldassarro richiamarono nelle masserie numerosi coloni e agricoltori necessari per la coltivazione di vite e ulivo. Si creò in questo modo un piccolo centro abitato denominato Badia Baldassarre. Nella contrada venne costruita la Cappella di Santa Maria del Carmine. Le prime notizie riportanti il nome di Villa Baldassarri sono del 1795, quando nelle statistiche del Regno di Napoli viene registrata una popolazione di 250 abitanti. L'appuntamento è alle 21 sul sagrato della chiesa di San Giovanni. Ospiti della serata Niuri de Sule con Demis Lofari, voce, chitarra, armonica a bocca; Carlo Massarelli, zampogna, clarinetto, ciaramella; Silvia Coppola, violino; Tommaso Massarelli, organetto diatonico; Giuseppe Delle Donne, tamburelloe tamburi a cornice. La prossima visita, sabato 11 settembre, ad Arnesano. Con Raffaella Aprile che presenta il suo disco “Papagna” e Suraj Trio Indian Jazz di Roberto Gagliardi, Paolo Pacciolla e Marco Bardoscia.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!