Lanciano involucri di eroina dall'auto: fermati e arrestati

E' accaduto a Felline di Alliste. Luigi Sava e Antonio Rizzo sono stati condotti presso il carcere di Lecce

Nel serata di ieri, militari della Stazione dei Carabinieri di Racale e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Casarano hanno arrestato in flagranza di reato, Antonio Rizzo, 25enne di Taurisano, e Luigi Sava, di Melissano, per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

antonio rizzo

(Antonio Rizzo)

luigi sava

(Luigi Sava) I militari, durante un posto di blocco in località Felline di Alliste hanno intimato l’alt all’autovettura Fiat Punto che sopraggiungeva, su cui c'erano Rizzo (conducente) e Sava (passeggero). L’autovettura ha cercato di sottrarsi al controllo e, dal finestrino, sono stati gettati dal alcuni involucri. Dopo aver bloccato il mezzo e fermato gli occupanti, i militari hanno recuperato, sul ciglio della strada, 3 involucri contenenti 12 grammi di eroina. A seguito di perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Sava sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro: un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente, occultati in cucina; una carabina ad aria compressa con relativo munizionamento di 500 colpi calibro 4,5, occultati nella camera da letto e sottoposti a sequestro amministrativo; una pistola giocattolo di fabbricazione tedesca, priva di tappo rosso combusto, con all’interno 5 cartucce calibro 9, occultati nella camera da letto e sottoposti a sequestro penale. Gli arrestati sono stati condotti presso il carcere di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!